Invecchiamento attivo_20_1_2017

Invecchiamento attivo: una legge anche in Veneto

Sorvegliare scuole, parchi, giardini, occuparsi delle persone più deboli, gestire orti urbani, diffondere e promuovere attività culturali, informare i cittadini sui servizi offerti nel proprio comune. Sono tante e variegate le attività di utilità sociale che gli adulti e gli anziani possono svolgere nel territorio e per la comunità, migliorando così la qualità della propria vita e della vita degli altri.  Ed è proprio in questo contesto che si inserisce il disegno di legge della giunta regionale, già depositato in Consiglio, “Promozione e valorizzazione dell’invecchiamento attivo”, che prevede un primo …

spicgilvenezia

Pensioni troppo basse, Natale povero per oltre 300 mila pensionati veneti

Fare un regalo a figli e nipoti? Praticamente impossibile. Cenare fuori casa alla vigilia o andare in ristorante per il pranzo del 25? Proibitivo. Perché quando i soldi non bastano neppure per mangiare, qualsiasi extra diventa un ostacolo insormontabile. Insomma, anche questo sarà un Natale “povero” per migliaia di pensionati veneti, quelli, per intenderci, che ricevono un assegno previdenziale inferiore ai 750 euro mensili. I dati dell’Inps divulgati in questi giorni non regalano sorrisi.

rita miniatura venezia

Pensioni: 14esima, diritti nascosti, no tax area. Un anno di lotta e di intese

Previdenza 2016: facciamo il punto con Rita Turati, segretaria dello Spi Cgil del Veneto. Da una parte, l’intesa con il governo sulla previdenza rivista anche grazie alle pressioni dei sindacati che sono scesi in piazza uniti lo scorso 19 maggio, dall’altra l’approvazione della legge regionale sulla sanità veneta (Legge Regionale 19/2016). Il 2016 ha riservato novità importati per i pensionati veneti. E grandi soddisfazione come la firma del protocollo politico con gli studenti. Dunque, Rita, partiamo dall’intesa del 28 settembre sulla 14esima mensilità. La ritieni una “novità” soddisfacente? Abbiamo condiviso …

pieghevole-15x15_veneto_2016_1

Prosegue con successo la campagna “Controlla la tua pensione in cento piazze” per dar voce ai DIRITTI NASCOSTI. Rimborsi in arrivo per un terzo degli anziani coinvolti

Hanno analizzato le pensioni di migliaia di anziani con un assegno inferiore ai 750 euro al mese, riscontrando “errori” su un terzo della documentazione controllata e recuperando cifre importanti per molti pensionati veneti che avanzavano soldi dall’Inps senza saperlo. Insomma, la campagna “controlla la tua pensione in 100 piazze”,

17-euro-beffa-pensionati-gazzettino-padova

Beffa rivalutazione, pensionati veneti rischiano di restituire allo Stato circa 17€ a testa

L’anno nuovo riserva una novità affatto gradita per i pensionati. Già da febbraio, infatti, potrebbero essere costretti a restituire allo Stato una parte della rivalutazione relativa all’anno 2015. Perché? Semplice: quell’anno le pensioni furono calcolate con una inflazione programmata dello 0,3% ma alla fine l’inflazione effettiva fu dello 0,2%.