Taglio della rivalutazione, beffato un pensionato veneto su cinque

Con il nuovo sistema perdite superiori ai 400 euro nell’arco dell’anno.

Spi Cgil: «Anziani trattati come bancomat per pagare la flat tax e per aiutare gli
evasori». Venerdì manifestazione nazionale in piazza Santi Apostoli a Roma. Intanto domani il sindacato dei pensionati partecipa allo sciopero generale indetto dalla Cgil contro la manovra


Venezia Mestre, 13 dicembre 2022. Sono più di 260 mila i pensionati veneti che nel 2023 subiranno
il taglio della rivalutazione degli assegni previdenziali a causa del nuovo meccanismo di adeguamento introdotto dal governo Meloni per fare cassa. In pratica, nella nostra regione, un pensionato su cinque perderà nell’arco dell’anno un importo superiore ai 400 rispetto al meccanismo di adeguamento all’inflazione riconquistato lo scorso anno con il governo Draghi grazie proprio alle mobilitazioni dei sindacati.
Nell’esercito di beneficiari trasformati in bancomat per pagare la flat tax agli autonomi e per favorire gli evasori, più della metà, circa 156 mila anziani veneti, può contare su pensioni medie comprese fra 4 e 5 volte il trattamento minimo. Di fatto, si tratta spesso di ex insegnanti, ex infermieri professionali, ex operai specializzati con 41/43 anni e più di contributi interamente versati che
portano a casa assegni netti mensili di 1700 -1.800 euro e che non sono dunque ricchi “nababbi” da spremere fino all’osso per recuperare risorse, come hanno fatto negli anni passati anche altri governi.
Dunque, di fronte a una manovra di bilancio iniqua, definita senza un confronto con le parti sociali, e improntata a togliere soldi ai pensionati e ai soggetti fragili percettori del reddito di cittadinanza, anche il sindacato dei pensionati del Veneto scenderà venerdì prossimo in piazza a Roma per partecipare alla manifestazione organizzata dallo Spi nazionale in piazza Santi Apostoli. Ma già
domani 14 dicembre il sindacato dei pensionati aderirà allo sciopero generale indetto dalla Cgil per protestare contro la manovra.
«Il governo si accanisce contro uomini e donne che hanno lavorato duramente per una vita versando tutti i contributi e smonta una conquista del sindacato senza alcun confronto – commentano dallo Spi Cgil del Veneto -. Stiamo parlando di pensionati che nel 2022 sono stati travolti, come tutti gli altri, da una inflazione arrivata ormai a due cifre e per la quale sembra inadeguata anche la rivalutazione piena al 7,3%. La mobilitazione di venerdì prossimo sarà anche l’occasione per denunciare le altre misure inique previste nella legge di bilancio: i tagli alla sanità, l’abolizione del reddito di cittadinanza, le misure a favore dei furbetti delle cartelle esattoriali e degli evasori. Naturalmente al primo punto della protesta ci sarà il taglio delle rivalutazioni ma anche la legge delega sulla non autosufficienza, anche quella una conquista dei sindacati dei pensionati durante il precedente governo, alla quale, però, l’esecutivo Meloni non ha finora dato alcun seguito».

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*


Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.