Centro di riabilitazione di Conselve, prossima chiusura?

La Cgil di Padova, insieme alle categorie della Funzione Pubblica e dei Pensionati, è fortemente preoccupata per la sorte del centro di riabilitazione multidisciplinare ad alta specializzazione e punto di eccellenza dell’Azienda Ospedaliera di Padova con sede presso l’ospedale di Conselve. Dalle indiscrezioni emerse sulle schede ospedaliere di programmazione del Nuovo Piano Socio-Sanitario, ancora non approvate e pubblicate, NON RISULTANO i posti letto destinati al centro di riabilitazione.

L’incertezza sul passaggio dei posti letti dell’Azienda Ospedaliera all’Ulss 17 e la non chiarezza sul destino delle lavoratrici e dei lavoratori è dovuto alla mancata scelta politica della Regione di prevedere un centro di riabilitazione nel territorio di Conselve.

La CGIL si domanda: quale sarà il futuro del Centro di Riabilitazione di Conselve e di tutto il personale che vi lavora?

Chiudendo il centro si disperde un patrimonio di professionalità ed esperienza acquisita dagli operatori medici, personale di riabilitazione, infermieri, OSS ecc, che negli anni hanno operato nel centro e garantito un’assistenza di alta qualità per tutti i cittadini del territorio padovano.
Questo è inaccettabile!

  • Per questo la CGIL chiede alla Regione che i posti letto di riabilitazione, se si decidesse di assegnarli all’Ulss 17, continuino a garantire lo stesso livello di assistenza e specializzazione forniti fino ad oggi con il medesimo personale.
  • Ed altrettanto la CGIL chiede che l’Azienda Ospedaliera garantisca il medesimo servizio di riabilitazione pubblico per i cittadini padovani.

 

La domanda di riabilitazione è sempre più elevata e la sanità pubblica deve garantire questi bisogni assistenziali ai cittadini, anche attraverso i nuovi servizi previsti dal Piano Socio Sanitario Regionale, quali le U.R.T. (unità riabilitative territoriali).

La CGIL ritiene che cambiamenti di questa entità debbano essere supportati da una programmazione regionale che risponda ai bisogni di salute dei cittadini e tuteli i lavoratori che devono garantire il servizio.

È per questo che la CGIL di Padova ha chiesto un incontro urgente al Segretario Regionale Dott. Mantoan per chiarire questa situazione incomprensibile di presa di decisione priva di programmazione generale sia di carattere sanitario che territoriale.

Chiediamo alla Regione e alle istituzioni locali di difendere con maggior forza la SALUTE dei cittadini!