Giorno della memoria 2021: “La memoria necessaria”

Lo Spi del Veneto, in occasione delle celebrazioni per il Giorno della Memoria, organizza una conferenza on line dal titolo “La memoria necessaria”. L’incontro, coordinato da Fulvio Dal Zio, segretario organizzativo dello Spi del Veneto, si terrà il 26 gennaio in diretta sulla pagina facebook e sul canale You Tube dello Spi del Veneto, a partire dalle ore 15.00.

La memoria è necessaria, dobbiamo ricordare perché le cose che si dimenticano possono ritornare: è il testamento che ci ha lasciato Primo Levi”

(Mario Rigoni Stern)

Da anni assistiamo impassibili al proliferare dell’esposizione ovunque, di simboli che richiamano a fascismo e nazismo, frutto di anni di sottovalutazione del fenomeno del ritorno di queste ideologie che mai come oggi sono pericolose. Il  ‘Rapporto Italia 2020′ dell’Eurispes  ci dice che dal 2004 ad oggi è aumentato il numero di chi pensa che la Shoah non sia mai avvenuta: erano solo il 2,7% oggi sono il 15,6%, mentre sono in aumento, sebbene in misura meno eclatante, anche coloro che ridimensionano la portata della Shoah dall’11,1% al 16,1%. Inoltre, secondo l’indagine, riscuote nel campione un “discreto consenso” l’affermazione secondo cui “Mussolini sia stato un grande leader che ha solo commesso qualche sbaglio” (19,8%). Con percentuali di accordo vicine tra loro seguono “gli italiani non sono fascisti ma amano le personalità forti” (14,3%), “siamo un popolo prevalentemente di destra” (14,1%), “molti italiani sono fascisti” (12,8%) e, infine, “ordine e disciplina sono valori molto amati dagli italiani” (12,7%). In compenso secondo la maggioranza degli italiani, recenti episodi di antisemitismo sono casi isolati, che non sono indice di un reale problema di antisemitismo nel nostro Paese (61,7%).

Proprio partendo da queste considerazioni, lo Spi del Veneto organizza una conferenza on line dedicata alle celebrazioni del Giorno della Memoria 2021. L’incontro, coordinato da Fulvio Dal Zio, segretario organizzativo dello Spi del Veneto, si terrà il 26 gennaio in diretta sulla pagina facebook e in contemporanea sul canale You Tube dello Spi del Veneto a partire dalle ore 15.00.

Protagonisti saranno tra gli altri Floriana Rizzetto, presidente dell’ANPI Padova, e gli studenti dell’UDU e della Rete, Tommaso Biancuzzi, Camilla Velotta, Irene Pizzolotto, che intervisteranno:

  • Paolo Navarro Dina, consigliere della Comunità Ebraica di Venezia
  • Gen. B. (Ris) Maurizio Lenzi, presidente ANEI – Associazione Nazionale Ex Internati nei Lager nazisti – Volontari della Libertà – Federazione di Padova
  • Eugenio Iafrate, consigliere nazionale ANED – Associazione Nazionale Ex Deportati nei Campi Nazisti

A concludere l’evento sarà Maurizio Verona, sindaco di S.Anna di Stazzema, che coordina il comitato promotore per la raccolta di firme per una legge di iniziativa popolare, che prevede pene severe a chi si rende colpevole di propaganda delle ideologie fasciste e naziste con qualunque mezzo di diffusione e l’aggravante di diffusione in rete, della produzione e la vendita di oggetti celebrativi dei regimi fascista e nazista.
“Siamo di fronte a nuovi razzismi, nazionalismi, sovranismi che attraverso il ripudio della memoria e lo stravolgimento della storia, provano a minare la base della nostra democrazia che è la nostra Costituzione.
Il nostro sindacato è sempre stato in prima linea nelle battaglie di civiltà ed è per questo che invitiamo tutte le iscritte e tutti gli iscritti allo Spi Cgil del Veneto a recarsi presso il proprio comune di residenza per sottoscrivere la proposta di legge di iniziativa popolare “NORME CONTRO LA PROPAGANDA E LA DIFFUSIONE DI MESSAGGI INNEGGIANTI A FASCISMO E NAZISMO E LA VENDITA E PRODUZIONE DI OGGETTI CON SIMBOLI FASCISTI E NAZISTI”.

Visualizza qui la locandina e il programma

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*