Il sindacato si mobilita “contro una legge vergognosa”: giovedì 1 ottobre presidio davanti a palazzo Ferro-Fini  

ritirateloCome definire una manovra che taglia quasi 2 milioni di euro in alle fasce più deboli e in particolare degli anziani se non “vergognosa”? La mannaia della giunta regionale si abbatterà ancora una volta sui pensionati , sulle persone non autosufficienti e sui disabili. Lo Spi del Veneto è pronto a protestare davanti a Palazzo della Regione per impedire che queste scelte passino, mettendo in ginocchio migliaia di pensionati veneti e si unisce dunque alla protesta delle opposizioni. Domani, in occasione della discussione in consiglio regionale, lo SPI parteciperà al presidio davanti a palazzo Ferro-Fini a Venezia a partire dalle 10:30.

Le variazioni nelle previsioni di spesa previste nel progetto di legge numero 11 sulla “razionalizzazione della spesa regionale” sono sconcertanti:

  •  FONDO REGIONALE PER LA NON AUTOSUFFICIENZA: MENO 210 MILA EURO
  •  PROGETTI DI INTEGRAZIONE SOCIALE DELLE PERSONE DISABILI PER ADULTE E ANZIANE: MENO 1 MILIONE DI EURO
  • TRASFERIMENTI PER FAVORIRE IL SERVIZIO CIVILE DELLE PERSONE ANZIANE: MENO 700 MILA EURO

E’ inconcepibile questo modo di far politica – commenta Rita Turati, segretaria regionale dello SPI –  quando si tolgono risorse alle famiglie più in difficoltà, come anziani e pensionati, si crea una frattura sociale difficilmente sanabile. A Luca Zaia chiediamo: quali sono le sue politiche a favore dei più deboli, anziani e dei pensionati in testa? Lo sa il nostro Presidente che in Veneto migliaia di over 65 vivono sotto la soglia della povertà? Se passeranno questi tagli, intensificheremo le proteste e porteremo con noi anche i diretti interessati, gli anziani e i pensionati vittime di queste scelte scellerate”.

ritiratelo2In tale contesto, lo Spi del Veneto aderisce anche alla campagna lanciata da “change.org” contro i tagli del finanziamento di 400 mila euro a favore dei Centri Antiviolenza decretato dalla Regione Veneto. Consideriamo questa una scelta incredibile, di fronte all’ampia diffusione del fenomeno che riguarda la violenza contro le donne.

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*