Elezioni: percezione e numeri raccontano storie diverse

Si dice che in politica 2+2 non faccia necessariamente 4. Ciò è vero soprattutto per le alleanze tra due o più partiti, le quali possono risultare più meno gradite ai rispettivi elettorati così da premiare o punire la scelta di condividere programmi e obiettivi.

C’è però un aspetto della politica dove la matematica dovrebbe garantire la propria utilità, in quanto si limita a misurare delle differenze. Parliamo delle analisi dei flussi elettorali, che nel caso delle elezioni politiche del Settembre scorso non sembrano giustificare lo tsunami che ha travolto la politica italiana: Pd a pezzi; Movimento 5 Stelle al settimo cielo che si candida alla testa del campo progressista; centrodestra (o meglio, destra-centro) nuovo “padrone” del Paese.

I numeri raccontano infatti una storia molto diversa: la maggioranza conquistata da Fratelli d’Italia, Lega e Forza Italia è sì netta, ma non soverchiante. Hanno fatto man bassa nei collegi uninominali dove il centrosinistra si è presentato diviso, senza nemmeno riuscire a far valere il peso che mantiene nelle grandi città.

E se guardiamo ai flussi elettorali, proprio il Pd è il partito che, paradossalmente,  ha tenuto meglio. Secondo l’Istituto Cattaneo, “La percentuale di voti conquistata dal Pd nel 2022 è molto simile a quella del 2018”. Il suo elettorato appare “abbastanza stabile. Il grosso di coloro che hanno votato i Dem nel 2022 lo aveva fatto anche nel 2018 e nel 2019. Tra i flussi in uscita il più rilevante è quello Azione, tra il 10 e il 20% degli elettori democratici. Mentre tra i flussi in entrata, si segnalano recuperi di qualche rilievo dal M5s”.

Proprio il Movimento Cinque Stelle, invece, “è il partito che ha subito il tracollo maggiore, perdendo poco più di 6 milioni di voti per strada rispetto alle politiche, ossia il 59,2% dei consensi del M5s nel 2018. Le perdite rispetto ai consensi ottenuti nel 2018 sono state addirittura del 70,3% nelle regioni settentrionali, dove il M5s ha perso per strada poco più di 2 milioni di elettori”.

Secondo l’Istituto, i voti 5 Stelle si dirigono verso l’astensionismo in primo luogo; verso il centrodestra in seconda battuta, ma anche verso il Pd, seppure in misura molto modesta: “il M5S attinge sostanzialmente a due soli bacini: quello dei suoi elettori più fedeli e quello degli astensionisti. Non gode insomma di ingressi significativi da sinistra”.

Fratelli d’Italia fa segnare un grande exploit, ma “cannibalizzando” la Lega, la cui performance “è stata molto simile a quella del M5s: il partito di Salvini ha perso per strada 3.183.653 elettori, pari al 57,1% del suo elettorato nel 2018”. L’elettorato di FdI “è formato per più dell’80% da elettori che alle europee avevano scelto già centrodestra: la parte restante si divide in misura variabile tra recuperi dall’astensione e passaggi dall’elettorato di centrosinistra”.

Ricapitolando: “Questi dati sembrano dunque mettere in luce che la mobilità elettorale tra il 2018 e il 2022 ha attraversato due fasi abbastanza diverse.

Nella prima (tra il 2018 e il 2019) vi è stato un significativo travaso di voti dal centrosinistra (in particolare dal M5s) al centrodestra (di cui ha inizialmente beneficiato la Lega). Nella seconda (dal 2019 a oggi) gli schieramenti sono rimasti stabili mentre sono avvenuti importanti spostamenti di voti al loro interno: in particolare, il centrodestra ha visto Fdi ‘cannibalizzare’ l’elettorato dei partner di coalizione, e in particolare quello – nel 2019 molto ampio – della Lega”.

Il motivo per cui nell’ambito del centrosinistra non si riesca ad intavolare una discussione su dati oggettivi rivolta a capire (e risolvere) le vere cause della sua debolezza elettorale, rappresenta un altro dei misteri della cosiddetta “crisi della sinistra”.

Torna al blog

Ultime pubblicazioni

Principali Argomenti

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*


Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.