Lo Spi Cgil Verona ha incontrato il candidato sindaco Tommasi

Lo Spi Cgil Verona, il sindacato dei pensionati della Cgil, ha incontrato al Centro Payanini di Via San Marco il candidato a Sindaco Damiano Tommasi. Un’occasione per fare la reciproca conoscenza che ha visto mettere sul tappeto alcuni tra i principali temi riguardanti la terza età a Verona.

Nel suo intervento, il Segretario provinciale Spi Cgil Adriano Filice è partito dalle dinamiche demografiche che vedono la nostra città – in linea con le tendenze nazionali ed internazionali – in progressivo invecchiamento: se nel 1982 a Verona c’erano più giovani che anziani, oggi (dato 2020) la città conta 2 anziani over 65 per ogni giovane under 14 e nel 2030 ci saranno 3 anziani per ogni giovane.

«È un aspetto di cui la politica ad ogni livello deve tener conto – ha sottolineato Filice – le città del futuro saranno pure più smart, ma la loro popolazione sarà sempre più anziana, il che non significa inadeguata. L’invecchiamento attivo, ovvero il tema degli anziani protagonisti all’interno della propria comunità di riferimento, è già una realtà in tantissimi ambiti, si prenda ad esempio il volontariato sociale e civile, ma è soltanto una parte della fotografia che comprende anche tanta solitudine, difficoltà economiche, bisogno di assistenza”.

Redditi. Il 60% delle 72.745 pensioni mensilmente erogate a cittadini residenti del Comune di Verona sono pensioni povere, al di sotto dei mille euro mensili. Anzi poverissime: l’importo medio mensile è di appena 504,5 euro. Gli assegni sono particolarmente magri per le donne, che rispetto agli uomini scontano l’accumulo di buchi contributivi determinati da un welfare famigliare inadeguato e mai sostanzialmente riformato, il che rischia di danneggiare anche le future generazioni, le quali devono far fronte pure all’accresciuta precarietà del lavoro.

Condizione abitativa. In una recente ricerca sulla condizione abitativa e urbana nelle città del Veneto, l’Ires Cgil Veneto, l’Istituto di ricerche sociali della Cgil Veneto, è giunto alla conclusione che «abbiamo una condizione abitativa buona in un contesto urbano che, invece, presenta più di qualche criticità. Parliamo di un territorio regionale e di contesti urbani caratterizzati da un altissimo consumo di suolo, che pone continue e irrisolte criticità sul fronte del traffico e della mobilità urbana ed extra-urbana, che a loro volta causano un preoccupante livello di inquinamento dell’aria».

Assistenza sanitaria. Le vaste e gravi criticità della medicina territoriale sono sotto agli occhi di tutti: carenza di medici di base, liste di attesa lunghissime, arretratezza dell’organizzazione sanitaria di base. La parte sanitaria del Pnrr sta riversando un centinaio di milioni di euro sul territorio veronese per le nuove case della comunità, l’assistenza domiciliare e gli ospedali di comunità ma mancano medici e infermieri.

Lo Spi Cgil Verona auspica che la prossima amministrazione comunale si ponga l’obiettivo di governare questi processi, facendo contare il proprio peso nell’ambito della Conferenza dei Sindaci dell’Ulss 9 per la parte sanitaria (si pensi alla carenza di medici di base sul territorio) e ricalibrando ed estendendo l’offerta di assistenza domiciliare.

Sul versante del governo del territorio occorre ripensare i servizi di mobilità, trasporto e residenzialità al fine di costruire una città più “amichevole” e a misura di anziano, il che significa una città più sostenibile e accessibile per tutti.

Sul piano delle politiche fiscali chiediamo una politica più attenta a pensionati e pensionate che nella stragrande maggioranza dei casi devono combattere con pensioni risicate ed erose dall’inflazione. Una proposta che lo Spi Cgil ha portato avanti in tutti gli incontri con le amministrazioni locali del territorio scaligero durante le ultime campagne di Contrattazione Sociale territoriale è quella di innalzare la soglia di esenzione dell’addizionale comunale Irpef.  

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*


Continuando a navigare nel sito acconsenti all'uso di Cookie Tecnici neccessari che permettono di offrire la migliore esperienza di navigazione, come descritto nell'informatva sulla privacy.