Il diritto di scelta del Medico di cure primarie anche ad Agordo

1396117849-medico-di-base-convince-anziano-paziente-a-farsi-firmare-la-procura-denunciatoDa un po’ di tempo nella cittadina di Agordo tanti abitanti soprattutto gli anziani non si sentono tutelati dal sistema sanitario. La salute è un tema sensibile, forse il più sentito dagli italiani , ma in montagna la mancanza di attenzioni verso la popolazione da parte della struttura sanitaria fa nascere una vera e propria inquietudine. Se poi le difficoltà arrivano da una mancanza di garanzie essenziali come la facoltà di scelta di medici di cure primarie si capisce il perché di tali agitazioni. 

La carta dei Servizi della Ulss n. 1 di Belluno del Distretto socio sanitario afferma che per quanto riguarda l’uguaglianza, a parità di esigenze, i servizi devono essere forniti in modo uguale a tutti gli utenti, senza distinzioni di razza, sesso, nazionalità, religione ed opinione politica. L’attenzione centrale deve essere posta alla persona e l’erogazione dei servizi deve avvenire in rapporto alle esigenze del singolo, assicurando al massimo grado possibile il diritto della persona ad una scelta libera e consapevole.

Inoltre , prosegue la Carta, il Distretto riconosce ai cittadini la possibilità di esercitare la libera scelta del luogo di cura e dei professionisti nell’ambito del Servizio Sanitario Nazionale. Nell’Unità Operativa Complessa il cittadino esercita il proprio diritto di scelta tra i medici iscritti in un apposito elenco disponibile presso gli uffici dell’ULSS. .

Ad Agordo questo non è possibile in quanto la scelta del medico di cure primarie è una scelta obbligata. Infatti un solo medico che opera ad Agordo ha possibilità di accogliere nuovi pazienti .

L’alternativa che viene concessa agli Agordini è quella di optare per un medico che presta attività lavorativa a Gosaldo oppure per uno che opera a Frassenè.

Soluzioni non perseguibili da utenti anziani viste le distanze e la difficoltà dei trasporti.

Il Sindacato dei pensionati della Cgil di Belluno ritiene indispensabile ripristinare il diritto di scelta del medico di cure primarie.