Giornata della donna in provincia di Vicenza: emozioni in cammino… al femminile

“Emozioni in cammino… al femminile” è l’iniziativa organizzata dallo Spi Cgil di Vicenza e dal coordinamento donne provinciale per le celebrazioni dell’8 marzo 2019. Si tratta di una passeggiata che si terrà sabato 9 marzo, con ritrovo in piazza Matteotti alle ore 10.30  proprio a Vicenza.

Attraverso la passeggiata, con guida qualificata, per le strade del centro cittadino, si propone di presentare delle figure femminili significative per la Città di Vicenza.  Alcune sono piuttosto note, altre semisconosciute, ma tutte hanno lasciato un segno più o meno profondo nella vita vicentina e non solo.  Passando per i luoghi che le hanno viste protagoniste, se ne ripercorreranno le vicende dal Medioevo fino al Novecento…

Le tappe previste sono le seguenti:

 Palazzo Angaran a ponte degli Angeli: BIANCA NIEVO, letterata e imprenditrice del ‘500, condannata a morte per eresia.
 Palazzo Leoni Montanari in contrà S. Corona: MADDALENA CAMPIGLIA, anticonformi-sta poetessa vicentina del ‘500.
 Corso Palladio: PALIO DELLE DONNE
 Piazza dei Signori: ANNA PERIN, titolare di una libreria e stamperia alla fine del ‘500.
 Palazzo Valmarana in corso Fogazzaro: ISABELLA NOGAROLA VALMARANA, moglie di Alvise Valmarana e vera responsabile della realizzazione del palazzo palladiano.
 Palazzo Repeta in piazza San Lorenzo: FIORENZA VENDRAMIN SALE, protagonista dei salotti mondani e letterari della fine del ‘700 vicentino, segnata da una vita breve e bur-rascosa.
 Contrà San Marcello: MARIA MONTECCHI, donna del popolo capace di scatenare una memorabile rivolta cittadina alla metà del ‘600.
 Palazzo Bissari in corso Palladio: OSTILIO BISSARI e la figura del cicisbeo nel ‘700 italia-no.
 Porta Castello: CUNIZZA DA ROMANO, sorella del “tiranno” duecentesco Ezzelino da Romano, nota per la sua spregiudicatezza e la sua capacità di autodeterminazione.
 Viale Roma: NOVELIA TURATO E NERINA SASSO, due esempi di eroismo al femminile dopo l’8 settembre

Scarica la locandina (in pdf)