Firmiamo e facciamo firmare la proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista

Lo Spi Cgil del Veneto invita tutti i cittadini e le cittadine a firmare a favore della proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista. La raccolta firme, secondo quanto si legge nelle dichiarazioni del sindaco di Sant’Anna di Stazzema, Maurizio Verona, sta procedendo in modo spedito. Ad oggi sono oltre 6 mila quelle raccolte, ma per portare la proposta di legge in Parlamento l’obiettivo è di arrivare a 50 mila entro il 31 marzo 2021. Ricordiamo che le firme si raccolgono in tutta Italia. Il Sindaco di Sant’Anna di Stazzema è il coordinatore del comitato che ha depositato, il 19 ottobre 2020, in Cassazione una proposta di legge di iniziativa popolare finalizzata a disciplinare “pene e sanzioni verso coloro che attuano propaganda fascista e nazista con ogni mezzo, in particolare tramite social network e con la vendita di gadget“.

Per ogni genere di informazione e per rimanere aggiornati, vi invitiamo a :

IMPORTANTE: l’adesione all’Anagrafe Antifascista e la raccolta di firme per la legge di iniziativa popolare SONO COSE DIVERSE. L’adesione all’Anagrafe NON COMPORTA la sottoscrizione della legge.

Dove si firma la proposta di legge di iniziativa popolare contro la propaganda fascista e nazista?

Si può firmare esclusivamente presso il proprio Comune di residenza, in tutta Italia.

In quale ufficio si può firmare?

Generalmente presso l’URP oppure presso la segreteria generale oppure presso l’ufficio stato civile/elettorale.

Il consiglio è di CHIAMARE il proprio Comune per sapere se fosse necessario un appuntamento per firmare e per conoscere gli orari di apertura.

Si può firmare esclusivamente di persona. La legge di riferimento, L. n. 352/1970, non prevede modalità alternative di firma (quindi : NO firme digitali, NO firme tramite internet).

Scarica qui il volantino dello Spi Cgil Veneto con le info

SCARICA il VADEMECUM con le istruzioni per firmare la proposta di legge e i MODULI per la raccolta delle firme

LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE CONTRO LA PROPAGANDA FASCISTA E NAZISTA: LA PROPOSTA

Annuncio di una proposta di legge di iniziativa popolare. (20A05730) pubblicato su (GU n.260 del 20-10-2020)Art. 1.1. Nel capo II del titolo I del libro secondo del codice penale, dopo l’articolo 293 è aggiunto il seguente:

«Art. 293-bis. – (Propaganda del regime fascista e nazifascista). – Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque propaganda i contenuti propri del partito fascista o del partito nazionalsocialista tedesco, ovvero dei relativi metodi eversivi del sistema democratico, anche attraverso la produzione, distribuzione, diffusione o vendita di beni raffiguranti persone, immagini o simboli a essi chiaramente riferiti, ovvero ne fa comunque propaganda richiamandone pubblicamente la simbologia o la gestualità è punito con la reclusione da sei mesi a due anni.La pena di cui al primo comma è aumentata di un terzo se il fatto è commesso attraverso strumenti telematici o informatici».2. All’articolo 5, primo comma, della legge 20 giugno 1952, n. 645, le parole:«sino a» sono sostituite dalle seguenti: «da sei mesi a».Art. 21. Al Decreto Legge 26 aprile 1993, n. 122, convertito in Legge 25 giugno 1993, n. 205, recante “Misure urgenti in materia di discriminazione razziale, etnica e religiosa” all’art. 2 dopo il comma 1 aggiungere il seguente:”1-bis. Qualora in pubbliche riunioni di cui al comma 1, l’esposizione riguardi emblemi o simboli riconducibili al partito fascista o al partito nazionalsocialista tedesco, la pena di cui all’art. 2 comma1, è aumentata del doppio;

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*