Riaprire le porte delle case di riposo, subito!

I sindacati dei pensionati pretendono disposizioni chiare per riaprire in sicurezza le case di riposo e chiedono un incontro all’assessora Lanzarin

Venezia-Mestre, 28 aprile 2021 – Riaprire le case di riposo è una priorità, una necessità che non può più essere rimandata. È l’ennesimo grido d’allarme dei sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil, che proprio oggi hanno inviato una richiesta d’incontro all’assessora della Regione Veneto Manuela Lanzarin, per avere un confronto in merito al protocollo e alle linee guida per la riapertura, anche in relazione all’impegno espresso da lei nel corso dell’ultima riunione, lo scorso 6 aprile.

I sindacati dei pensionati lo ripetono ormai da mesi: la solitudine affettiva è un male gravissimo, che affligge gli anziani più di chiunque altro. E che si fa tanto più dura da sopportare quando ci si trova in reale isolamento. Le videochiamate, che pure sono un’iniziativa lodevole e meritoria, possono essere d’aiuto, ma non sempre e non per tutti. Per alcuni anziani possono risultare disturbanti, fare quasi paura. Intanto il tempo passa e lo sconforto ha già preso il sopravvento su molti ospiti, che si stanno lasciando andare anche fisicamente.

«La campagna vaccinale» sottolineano nella lettera alla Regione Elena Di Gregorio (Spi), Vanna Giantin (Fnp) e Debora Rocco (Uilp) «ha portato le strutture ad essere pressoché covid-free. Eppure, le norme ancora vigenti non tengono conto del fatto che la situazione è notevolmente cambiata: gli ospiti sono stati vaccinati e possono tornare a vedere i familiari. Le singole strutture non possono assumersi questa responsabilità in assenza di disposizioni chiare. La Regione deve intervenire, subito!»

I sindacati dei pensionati Spi Cgil, Fnp Cisl e Uilp Uil ricordano inoltre che, secondo i dati ministeriali, in Veneto quasi l’85% degli ospiti delle Rsa ha già ricevuto la prima dose di vaccino, mentre sfiorano il 70% quanti hanno concluso il ciclo con anche la seconda dose. Dopo aver messo in sicurezza la loro salute fisica, è giunto il momento di pensare alla loro salute psicologica.

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*