Presidio in difesa della Legge 194

Il 17 giugno le donne della CGIL di Venezia con Se Non Ora Quando, l’UDI, La Consulta delle cittadine, la Rete degli Studenti medi e universitari hanno presidiato in massa il Consiglio Comunale per chiedere l’impegno del Comune di Venezia a garantire l’applicazione della L. 194 nelle strutture sanitarie pubbliche.

Le rappresentanti dei Movimenti delle donne e della CGIL hanno preso la parola e denunciato che il numero dei ginecologi e personale paramedico obiettori di coscienza impedisce il diritto delle donne all’interruzione volointaria di gravidanza.

Hanno vinto le donne! La loro determinatezza ha superato la mozione votata a maggioranza dal precedente Consiglio Comunale che prevedeva di “tutelare i medici obiettori di coscienza”.

Quando i movimenti rappresentano le istanze dei/delle cittadini/e e c’è un problema importante le istituzioni possono rivedere le loro posizioni. Una bella lezione per tutta la classe politica.

Leggi QUI il documento/invito al presidio, redatto da CGIL.

Leggi QUI la lettera inviata al Sindaco di Venezia Giorgio Orsoni

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*