FEMMINICIDIO A MARGHERA: CLAUDIA BORTOLOZZO UCCISA DAL MARITO. Bettella, coordinamento Donne Spi Cgil: “si trattava, pare, di persone con disagio mentale. Ci lasciano stupite le prime dichiarazioni, che nessuno avesse sospettato. L’attenzione dei servizi sociali e sanitari che li avevano in carico doveva essere massima”

Venezia, 22 febbraio 2019 – Ennesimo femminicidio in Veneto: è accaduto poche ore fa a Marghera. La vittima, Claudia Bortolozzo, 52 anni, uccisa per mano del marito. Uno schema che si ripete perché la caratteristica principale dei femminicidi è la maturazione in ambito familiare o all’interno di relazioni sentimentali.

Leggiamo sgomente dell’ennesimo femminicidio, questa volta qui vicino a noi, a Marghera. Il marito l’ha uccisa a coltellate durante la notte, chissà cosa è successo, chissà se sapremo mai le vere motivazioni – dice Rosanna Bettella, responsabile del Coordinamento Donne dello SPI Cgil del Veneto-.  Quello che ci lascia sempre stupite sono le prime dichiarazioni, che nessuno, della famiglia e del vicinato, ha sospettato, anche se in questo caso sembra esserci una situazione di disagio mentale di entrambi i coniugi. Ma ancora di più, dico io, l’attenzione dovrebbe essere massima, l’attenzione dei familiari, dei servizi sociali e sanitari che li avevano in carico, dei vicini.”.

Nei primi 10 mesi del 2018 i femminicidi sono stati 106, uno ogni 72 ore e la nostra Regione, insieme a Lombardia, Campania ed Emilia-Romagna è in testa alle classifiche per numero di femminicidi e violenza contro le donne (dati Eures e Istat).

Riscontriamo sempre più disattenzione per non dire superficialità e indifferenza,- continua Bettellae se è vera la situazione di disagio mentale, sappiamo quanto i servizi psichiatrici siano in difficoltà per carenza di personale, quanto, nella sanità complessiva, siano considerati servizi di serie B”.

Nel dossier del Viminale del 1 agosto 2018 vengono esposti i dati sui femminicidi avvenuti tra il 1 agosto 2017 e il 31 luglio 2018: su 134 delitti commessi, 92 sono donne e nella maggior parte dei casi, gli autori sono partner oppure familiari.

Ma questo numero, ad oggi, è tristemente aumentato sino al caso di femminicidio odierno a Marghera.

Come arrivare a leggere sempre meno sui giornali questi drammatici fatti di cronaca?

Io dico puntando sull’educazione dei ragazzi e delle ragazze, facendo loro lezioni di affettività, lavorando sul rispetto delle differenze e in questo un ruolo fondamentale lo possono avere i consultori familiari, servizi in crisi da anni anch’essi per carenza di personale e per poca considerazione. Questa è la strada, lunga, difficile ma che va percorsa. Non so come si sposa con il clima di arretramento che stiamo vivendo, che vuole relegare la donna a un ruolo subalterno e che alimenta rancori e rivalità fra i generi. Sono molto, molto preoccupata. Quello che ci attende è un periodo oscuro che ha bisogno della massima mobilitazione di tutte le donne, giovani e meno giovani, per difendere la nostra autonomia, le nostre conquiste in tema di diritti civili e sul lavoro, per pretendere il giusto ruolo nella società.”

Il Coordinamento donne dello Spi Cgil e la Cgil del Veneto organizzeranno, nei prossimi giorni, parecchie iniziative per affrontare il problema attraverso incontri con esperti, in occasione dell’8 marzo, giornata internazionale della donna.

 

 

Ricevi tutte le notizie

Iscriviti subito alla nostra Newsletter







Dichiaro di aver letto e compreso la vostra Privacy Policy.*